sfondo
fondoarticolo

STORIA DELLA PUBBLICITA'

Come si è sviluppata la pubblicità nell'ultimo secolo

Eleonora Di Piazza • gennaio 2009

Sappiamo cos'è la pubblicità, dov'è nata e dove si e sviluppata?

pompei

Con il termine pubblicità si intende una forma di comunicazione, a pagamento,diffusa su un' iniziativa di operatori economici tipo la televisione, la radio, i giornali i manifesti o anche internet, che tende a influenzare le scelte delle persone in relazione al consumo di beni e all'utilizzo di servizi.

La pubblicità ha radici antiche, per esempio a Pompei si possono leggere ancora oggi dopo l'eruzione vulcanica delle scritte sui muri,che invitavano i passanti a votare per un certo candidato politico. Ma della pubblicità vera e propria se ne può parlare solo dopo l'innovazione della stampa.

In Italia alla fine del XIX secolo c'era un alto tasso di povertà tanto da distinguere il Nord dal Sud da delle differenze socio-ecomomiche del paese e un'altro fattore dominante era l'elevato tasso di analfabetismo della gente.

Le prime comunicazioni pubblicitarie (al tempo chiamate reclame) iniziano a diffondersi con la nascita dei giornali tra la metà dell’Ottocento e gli inizi del Novecento. Sulle ultime pagine dei quotidiani, quali la "Domenica del Corriere", la "Tribuna Illustrata" e l’Illustrazione Italiana", appaiono i primi comunicati pubblicitari. Agli inizi la "pubblicità"era costituita principalmente di testi e disegni appunto per favorire la popolazione analfabeta poche persone sapevano leggere e quindi leggere i giornali. Con la pubblicità murale la comunicazione si sviluppa e grazie all'opera di artisti famosi tipo Leonetto Capiello, Leopoldo Metlicovitz Dudovich, diventa una vera e propria forma d'arte.

pubblicita

HAVING YOUR SAY

magazine interculturale