sfondo
fondoarticolo

FUMETTO IN FORMAZIONE

Incontro tra Giulio De Vita e alcuni studenti del CFP a Pordenone

Daniele Bidoli • marzo 2009

Giovedì 12 marzo 2009, dalle ore 13:40 alle 16:40, le classi 3^ idraulici, 3^ carrozzieri e 1^ grafici del Centro Formazione Pordenone hanno avuto un incontro formativo di laboratorio di fumetto con il professionista, di fama internazionale, GIULIO DE VITA.

Il fumettista ha parlato, per prima cosa, dell’importanza dell’arte sequenziale e dei due soggetti principali, il disegno della vignetta e lo spazio bianco che intercorre tra due immagini, che permette al lettore di fantasticare e immaginare i movimenti dei personaggi a suo piacimento.

Un altra parte trattata è stata la sceneggiatura, ovvero la scrittura di immagine per immagine, che viene data da tre incognite fondamentali: dove avvengono i fatti, che condizioni climatiche devono esserci (giorno, notte,vento, sole, pioggia,….) e chi sono i personaggi (protagonista/i, antagonista/i).

Per creare un fumetto si devono seguire dei “passi” e il primo di questi è di scrivere e identificare il soggetto rispondendo alle cinque W (che poi sono sei) codificate e utilizzate anche nel giornalismo: what (cosa), who (chi), where (dove), when (quando) e why (perché), a cui aggiungere how (come). Come si può notare, al soggetto, viene affiancata la sceneggiatura.

devita2

Si passa poi allo spoglio della sceneggiatura, vale a dire la divisione della storia (scritta) dove ogni divisione rappresenta è la vignetta da disegnare o un’intera tavola, per poi quantificare da quante vignette viene rappresentata; la trama viene divisa anche in tre atti: l’inizio della presentazione delle immagini e dei personaggi, la presentazione del problema e come il protagonista cerca di risolvere il problema e per finire la risoluzione del problema.

devita1

Inoltre ha la sua importanza la grammatica delle immagini in quanto tratta i sette piani di disegno che sono il primo piano (P.P., immagine del solo viso), il mezzo busto (M.B., immagine dalla vita in su, il piano americano (P.A., immagine dalle ginocchia in su), il figura intera(F.I., immagine di tutto il corpo), il campo medio o largo (C.M., immagine di più personaggi), il campo lungo (C.L., immagine di personaggi con una vista del paesaggio) e il campo lunghissimo o panoramica (PAN, immagini di città e paesaggi senza personaggi).

DEVITA3 

Per concludere, il fumettista ha disegnato per ogni sezione presente all’incontro un personaggio.

HAVING YOUR SAY

magazine interculturale